Blitz al parco San Giacomo, Borgo Roma

Entrata parco San Giacomo

Entrata parco San Giacomo

Trascrivo integralmente la notizia pubblicata dalla redazione di infoverona.it

Blitz congiunto di esercito, carabinieri e ronde al parco San Giacomo in borgo Roma.
Venerdì 7 maggio 2010, alle 16.50, una rapidissima ed efficace operazione di polizia ha ripristinato una situazione di ordine che stava rapidamente degenerando nell’area verde antistante il policlinico.
Una jeep mimetica con a bordo tre militari e un carabiniere, affiancati da una ronda appiedata, ha fermato una immigrata dell’est europeo.
La giovane stava fumando.
I cinque tutori dell’ordine sono riusciti a riportare la legalità nel parco, intimando energicamente alla donna di “spegnere subito la sigaretta”, poiché un’ordinanza del sindaco Tosi proibisce il vizio del fumo nei parchi pubblici.
Camionetta militare e guardia civica hanno bloccato il vialetto dove la donna stava camminando, attendendo fino a quando la signora, chinatasi a terra, non ha spento la sigaretta sul ghiaino.
Significativo il commento della ronda giallovestita: “Oh vèdito… braa! L’è così che se fa!”.
Poi ronda, militari in mimetica e carabiniere hanno ripreso la perlustrazione del suolo padano.
Meno di tre minuti dopo, la stessa ronda – da sola – ha sventato l’assalto a uno dei giochi per bambini. Tre manigoldi di circa 7 anni si stavano divertendo a far scendere dei sassolini dallo scivolo, creando un fastidioso rumore di rotolamento sulla lamiera.
La guardia civica, benché in inferiorità numerica, con un conciso e perentorio “no i sasi là!” è riuscita ad allontanare la gang e a riportare legalità e serenità nel parco.


La situazione che si è venuta a creare oggi al Parco di San Giacomo in Borgo Roma è frutto di due provvedimenti.

  • Il decreto sull’utilizzo di militari per la sicurezza nelle città. La strada giusta, secondo i ministri dell’interno e della difesa, per garantire maggior sicurezza ai cittadini e per far capire ai delinquenti che lo stato c’è e non arretra.
  • Il decreto sui “volontari per la sicurezza” (ronde cittadine), che non saranno armati. Saranno dotati esclusivamente di telefoni cellulari e wolkies-talkies, ha sottolineato il Ministro dell’Interno, Roberto Maroni, il quale ha dichiarato qualche settimana fa che era necessario “dare prova di cattiveria verso i clandestini”.

    Il giornalista conclude: “Il massiccio impegno economico – anche grazie all’impiego dell’esercito dislocato dal ministro Maroni – per garantire la sicurezza e l’incolumità dei cittadini frutta quotidianamente risultati come questi.”

    http://infoverona.it/news/index.php?option=com_content&task=view&id=13527&Itemid=2

    Il parco di San Giacomo in Borgo Roma è un piccolissimo spazio, rubato alla speculazione edilizia, del grande e millenario parco di San Giacomo e Lazzaro alla rogna, che esiste dal secolo VIII d.C. Per immaginare lo spazio che occupava ricorda che sul parco sono sorte le università, il Policlinico e una parte del quartiere I Maggio.

    L’immagine, tratta da Google Hearth, riproduce ciò che resta dell’entrata dell’Ospedale Psichiatrico di San Giacomo. Guardando la facciata, sulla sinistra trovi l’entrata al parco.

    • Share/Bookmark
  • Articoli simili

    Comments are closed.